TripAdvisor: evviva il gourmet fai da te.

 

di Ivan Fiori

Prendo spunto dal bellissimo editoriale, o meglio “contro-editoriale”, del grande Andrea Grignaffini apparso sul numero di agosto/settembre 2015 di SpiritodiVino per unirmi al suo “paradosso”, all’evoluzione del paradossale in un mondo così veloce per quanto a volte chi parla o meglio chi scrive meriti di fermarsi a ragionare quanto meno al minimo indispensabile.trip
L’imputato del caso ha una denominazione, ovvero Tripadvisor, la piattaforma online più famosa al mondo di recensioni degli utenti per quanto concerne la ristorazione, l’ospitalità di alberghi e così via. Una serie di recensioni trappola, dove ristoranti inesistenti hanno avuto delle recensioni così positive da farli salire al primo posto della classifica nelle rispettive città, dove ristoranti con una gestione familiare da più di una generazione hanno dovuto chiudere i battenti per i giudizi sprezzanti e disprezzanti da parte di alcuni utenti, dove ristoranti con recensioni che si contano sulle dita di una mano balzano in vetta a tutte le classifiche…..mi chiedo: stiamo scherzando? Purtroppo no.

E’ la gara a fare al gourmet per tutti, ovvero “hai risposto poco cortesemente allora ti termino e invito i miei amici a fare altrettanto”.
Ristoratori e albergatori, giustamente, chiedono rispetto, ma di chi è la colpa di tutto questo? Dove è il controllo che TripAdvisor dovrebbe fare, verificando (non saprei come) e filtrando i vari giudizi e la varie recensioni online.
Oramai il virus ha contaminato tutti, tutti siamo giudici e giurati. E ci piance, ah quanto ci piace. E Tripadvisor se la ride.
E’ tutto un paradosso carissimo Grignaffini, Lei ha perfettamente ragione.

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *