In moto continuo…..

6877367494_123efd67d7_o

 

Non credevo che andasse a finire così, questa inquietudine, questo prurito, questo formicolìo che mi scorre tutto lungo la schiena fino alla punta della dita, e poi sulle spalle, dietro ancora più dietro….ecco lì.
No, ora non posso, impegni di lavoro magari, budget limitato ora forse non lo so. Devo scappare. Devo fuggire da qua. Devo vedere cosa succede “un po’ più in là”, ….. oltre.
Ho bisogno che qualcuno accanto a me mi parli una lingua che non capisco. Voglio sedermi lì accanto a loro, aprire una bottiglia di vino e ascoltare, ascoltarli e non capirli. Sentire quell’aria diversa, sì, perché mio padre mi diceva sempre “Perché a Parigi c’è un’altra aria”. Ed era vero.
Il mondo è tante Parigi, ci sono tanti tavolonini in quei bar e bistrot che mi stanno aspettando, ovunque, dal Sud America, agli Stati Uniti all’Africa, all’India alla Russia, alla Spagna…..e io voglio trovarli tutti.
Ci arriverò in aereo, in treno, in auto, in bici, passando per fiumi e mari, per foreste o deserti non lo so, ma ci arriverò, e godrò di ogni momento di quel tragitto, di quel viaggio per arrivarci.

Ivan Fiorisolo in moto