Il mare di Hemingway

“Pensava sempre al mare come a la mar, come lo chiamano in spagnolo quando lo amano. A volte coloro che l’amano ne parlano male, ma sempre come se parlassero di una donna. Alcuni fra i pescatori più giovani, di quelli che usavano i gavitelli come galleggianti per le lenze e avevano le barche a motore, comprate quando il fegato di pescecane rendeva molto, ne parlavano come di el mar al maschile. Ne parlavano come di un rivale o di un luogo o perfino di un nemico. Ma il vecchio lo pensava sempre al femminile e come qualcosa che concedeva o rifiutava grandi favori e se faceva cose strane o malvagie era perché non poteva evitarle. La luna lo fa reagire come una donna, pensò.”

Da “Il vecchio e il mare” di Ernest Hemingway

 

Hemingway

Ho visto la mia faccia

«Qualsiasi cosa, del resto, è una perdita e spreco di tempo: tranne fottere di gusto o creare qualcosa di buono o guarire o correr dietro a una specie di fantasma-amore-felicità. Tanto tutti finiamo nel mondezzaio della sconfitta: chiamala morte, chiamala errore. Io non son bravo con le parole. Direi però, dato che tutti ci s’adatta alle circostanze, che certe cose accrescono la tua esperienza, anche se magari non si tratta di saggezza. È possibile peraltro che uno resti per tutta la vita nell’ errore, vivendo in uno stato come d’intontimento o di paura. Ne avrete viste, di queste facce. Io ho visto la mia.»  (C.Bukowski)

La mia faccia

A Riccione apre il “Bevabbè”…….e allora ditelo!

 di Ivan Fiori

 

IMG_6033 copia

“Bevabbè che bella giornata!” . Chi, da vero romagnolo non ha mai sentito questo intercalare di ottimismo e goliardia come solo noi sappiamo fare?
Se passate a Riccione, nella parallela del Viale Ceccarini più precisamente in Viale Gramsci al civico 22, lo sentirete urlare spesso.

IMG_5990

IMG_6022

 

 

Riccardo Parisio, 43 anni, bolognese di nascita, riccionese di adozione, ha deciso di cambiare e per una volta di seguire la propria passione e il proprio cuore. Un’ osteria alla vecchia maniera, rivisitata in chiave moderna per dare “conforto” ai nuovi passanti a Riccione, con un bicchiere di buon vino e un tagliere di affettati di prima scelta…….tanto per cominciare.

IMG_5912

“L’idea di aprire il ristorante è venuta dai tempi universitari quando facevo il barista. A quei tempi già sognavo un locale tutto mio.” , racconta Riccardo appoggiato al suo bancone. Già perché questo bancone è suo a tutti gli effetti. L’ha progettato lui per più di un anno, ne ha seguito la costruzione insieme ai falegnami ebanisti chiodo dopo chiodo, e il risultato è un’opera straordinaria. Un banco che ricorda lo stile liberty del primo novecento dei caffè e bistrot parigini.
Il Bevabbè, questo il nome del locale di Riccardo, ha aperto il 22 maggio scorso, nella prima serata d’estate della riviera. E da quel giorno l’epiteto “Bevabbè”  vi garantisco che viene usato spesso: per riferirsi ad una bellissima serata trascorsa, o  al passaggio delle prime gonnelline corte (che ci volete fare, qua siamo nel cuore della Romagna……vi avevo detto che era una questione di cuore no?!).

IMG_6027 IMG_5983

 

 


 

 

 

 

Il Bevabbè attualmente è in continuo “movin on”.  Tutto il locale è  una continua ricerca. Per esempio le luci sono opera del light designer riccionese Renzo Serafini, creatore di lampade a soffitto e a parete di un stile completamente innovativo. Il bancone da osteria di cui ho già parlato sul quale sono state inserite dei tavolini pensili su cui mangiare, i tavolini da esterno acquistati da Riccardo nei vari mercatini e mostre di antiquariato e modernariato.
Oggi il Bevabbè propone piatti semplici ma di estrema qualità come:

Piatti proposti:
– i prosciutti mora romagnola di Zavoli
– i culatelli;
– i salami cotti nel sangiovese;
– la mortadella Pasquini di Bologna
– prosciutto Sant Ilario di Parma (classificato dal Gambero Rosso come uno dei migliori 10 prosciutti d’Italia);
– i formaggi di Beltrami;
– il pane di Lievita;
– le olive taggiasche della Bastia di Imperia.
– dolci fatti in casa.
– le conserve, le marmellate e le alici cantabriche di Moreno Cedroni;

IMG_6023

IMG_6024

 

 

 

 

 

 

 

Il Bevabbè è in continua evoluzione, e settimana dopo settimana prendono forma nuove invenzioni in cucina. Riccardo mi anticipa che di prossima uscita saranno la tartare di carne con Fassona piemontese di Boves e l’Hamburger di Fassona e l’Hamburger vegetariano con le melanzane cotte al forno e la ricotta di San Patrignano.

IMG_5908IMG_5979

 

 

 

 

 

 

 

La carta dei vini propone una buona scelta tra bollicine francesi e italiane, bianchi italiani soprattutto del del Trentino Alto Adige e del Friuli, e rossi italiani, con riguardo della Emilia Romagna, della Toscana e del Piemonte.IMG_6026

Le birre alla spina e in bottiglia sono rigorosamente solo di tipo artigianale.

Oggi il Bevabbè apre i battenti dalle 17.00 fino a dopo mezzanotte, ma è in cantiere un progetto “brunch Bevabbè” che farà anticipare l’apertura all’orario di pranzo.

Ah, dimenticavo, non scambiate in Bevabbè per un bar. Qui ci si rilassa, si chiacchera, si mangia e si beve, e se chiedete un caffè, qui c’è solo quello americano. ……. uomo avvisato…..

IMG_6012

 

 

Bevabbè
viale Gramsci 22 angolo viale Corridoni
Riccione
tel. 3463224665